• Stampa pagina
  • Area riservata
  • Versione alto contrasto
  • Versione standard

L'Andis chiede un incontro con il Ministro Bussetti

  pubblicata il 25/06/2018

Categorie: documenti andis nazionale , in primo piano

Roma,  25 giugno 2018

Al Sig. Ministro dell’Istruzione,

della Ricerca e dell’Università

Viale di Trastevere 76 – R O M A

Ill.mo Ministro,

            sento il dovere di rappresentarLe preliminarmente che l'A.N.DI.S. costituisce la più importante associazione professionale dei dirigenti scolastici italiani.  

            Presente su tutto il territorio nazionale con articolazioni regionali e provinciali, la nostra Associazione svolge dal 1988 un’intensa attività di formazione e di sviluppo professionale dei propri iscritti, perseguendo obiettivi di progresso della scuola pubblica.

            L’A.N.DI.S. svolge anche la funzione di rappresentare le problematiche professionali dei dirigenti scolastici all’Amministrazione scolastica, al Governo, alle competenti Commissioni parlamentari, come pure alle Organizzazioni sindacali di comparto e alle Associazioni professionali e disciplinari della scuola.

            Negli ultimi anni l’ANDIS ha più volte segnalato all’Amministrazione e al Parlamento il grave stato di disagio dei dirigenti scolastici italiani, acuitosi per gli adempimenti connessi alla contemporanea implementazione di normative generali (anticorruzione, sicurezza, nuovo codice degli appalti, privacy, accesso civico, ecc.) e di innovazioni introdotte dalla legge 107 (immissioni in ruolo, PTOF, organico potenziato, valorizzazione del merito, chiamata per competenze, alternanza scuola/lavoro, reti di scuole, ecc.).

            Una condizione di lavoro percepita dai dirigenti scolastici come sempre più frustrante e insostenibile, anche a fronte della ingiustificata sperequazione retributiva tra la dirigenza scolastica e le altre dirigenze statali.

Una condizione resa ancora più gravosa dall’enorme carico di responsabilità in capo ai dirigenti scolastici in materia di sicurezza, all’interno di un quadro di rapporti non sempre facili con gli Enti Locali in relazione alla manutenzione, alla messa in sicurezza degli edifici e alla trasmissione delle certificazioni obbligatorie alle scuole.

            Sulla questione della sicurezza delle scuole l’A.N.DI.S. ha promosso diverse iniziative nazionali per chiedere al Parlamento,  anche alla luce delle recenti condanne di dirigenti scolastici, di modificare gli artt. 17 e 18 del D.Lgs 81/2008 e ripartire equamente le responsabilità in materia di sicurezza tra dirigenti scolastici ed enti proprietari degli edifici.   

           

            Tanto premesso, Le chiedo di volerci fissare a breve un incontro specifico per un primo esame delle questioni sopra accennate.

           

            Nell’assicurarLe fin d’ora la nostra piena disponibilità a collaborare per il rilancio della scuola pubblica italiana, Le rivolgiamo i più fervidi auguri di buon lavoro.

                                                                                 

Il Presidente nazionale
 Prof. Paolino Marotta    

Galleria immagini  

immagine